Roma in elicottero

GIRO IN ELICOTTERO - ROMA

Un’esperienza che dovete sicuramente provare, osservare Roma da una prospettiva entusiasmante, ammirerete le bellezze della capitale circondata dalla verde campagna, con il mare da un lato e le colline dall’altro a far da sfondo.

Vedere Roma attraverso un tour panoramico in elicottero permette ai viaggiatori di scoprire la "città eterna" da una prospettiva inedita.
La campagna verdeggiante punteggiata da piccoli paesi, il mare di Ostia all'orizzonte e infine la splendida veduta dei Castelli Romani e di Villa Adriana; semplicemente Roma, ma in un modo che poche volte capita ai milioni di viaggiatori che ogni anno la visitano.

In volo su Roma, la città che non ti aspetti
Partendo da Roma Urbe la prima meta che si raggiunge è lo Stadio Olimpico. È ubicato all’interno del Foro Italico, un complesso progettato dall'architetto Del Debbio durante il ventennio fascista, nel 1932, e che per questo portava il nome di Foro Mussolini. I viaggiatori potranno ammirare l'ampiezza dello stadio, con i suoi 70.000 posti a sedere, che ha ospitato i XVII Giochi olimpici, quelli del 1960.

Fa subito capolino il Tevere e con esso Ponte Milvio, costruito nel 109 a.C. e che allora si chiamava Mulvius, per via della famiglia romana che lo aveva commissionato. In epoca medievale cambiò nome e venne chiamato Ponte Mollo, per il collasso dell'arcata centrale che fu rimpiazzata da tavole di legno che sobbalzavano ad ogni passaggio. In ogni caso questo famosissimo ponte resta celebre per la sconfitta di Massenzio contro l'imperatore Costantino, che favorì la diffusione del cristianesimo nell'Europa occidentale.
Villa Ada è invece uno dei parchi più estesi della città. Si riconosce non solo per l'estensione e per la presenza della neoclassica villa reale, ma anche per il laghetto con la sua isoletta, dove si svolge ogni anno un festival di world music. Siamo nel cuore dei Parioli, quartiere che ha visto la luce ai primi del Novecento e che durante il regime fascista si è sviluppato con palazzine a quattro piani con giardino che ospitavano le famiglie dei gerarchi fascisti.

La settecentesca Villa Borghese colpisce invece per la sua vegetazione fitta in mezzo alla quale brilla un laghetto; al centro si trova l'isola artificiale su cui è costruito un tempio neoclassico. Ma non solo, oltre allo zoo sono le casine a caratterizzare il parco, uno dei polmoni verdi di Roma: la Casina delle Rose, che ospita eventi cinematografici, la Casina dell'Orologio in Piazza di Siena, slargo costruito per ospitare eventi ippici, e infine il Casino di Raffaello, che una volta sorgeva in un gelseto.

L'Altare della Patria, a Piazza Venezia, è con il Colosseo e San Pietro il punto di riferimento per chi arriva a Roma dal cielo. È visibile a grande distanza, con il suo biancore e la forma di "macchina di scrivere", come lo definiscono affettuosamente i romani. Fu costruito radendo al suolo un quartiere medievale, per onorare la memoria del re Vittorio Emanuele II. I lavori iniziarono nel 1885 e si conclusero quarant'anni dopo.

Si diceva di San Pietro. Il colonnato della piazza, assieme alla basilica, è visibile per la sua forma che ricorda quella della serratura di una chiave antica. Il Bernini, a metà Seicento, fu incaricato dal papa Alessandro VII di progettare l'area, delimitata da quasi trecento colonne e circa cento pilastri. Nelle splendide giornate di sole, che spesso la città regala, planando sulla sede del Vaticano si possono distinguere i profili delle centosessantadue mastodontiche statue di santi che coronano la balaustra.

Il volo tocca la parte meridionale della città. Anche qui si può notare come il ventennio fascista abbia stravolto architettonicamente Roma. L'EUR, infatti, fu una richiesta esplicita di Mussolini a cui lavorarono i più grandi architetti dell'epoca. Spicca il Palazzo della Civiltà Romana, detto anche Colosseo quadrato. È il simbolo dell'architettura razionalista con le sei file di archi, ciascuna con altre nove finestre in serie, a simboleggiare il numero di lettere che compongono nome e cognome di Mussolini.

In elicottero sulla campagna romana e sui Colli Albani
Procedendo verso est ecco il Parco degli Acquedotti romani, dove spiccano nello scenario bucolico straordinario della campagna romana le arcate di tufo grazie alle quali un tempo arrivava l'acqua a Roma. L'intera area è punteggiata di ruderi delle antiche abitazioni romane e di pini secolari.

Sempre più verso oriente lasciando Roma si giunge sui Castelli Romani, ossia i borghi, i paeselli e le piccole città che sorgono sui Colli Albani. Questa è un'area vulcanica che si è creata a seguito del collasso del Vulcano Laziale. I laghi di Nemi e Albano, splendidi visti dall'alto, sono crateri di vulcani spenti sulle cui sponde sorgono le cittadine omonime.

Risalendo verso i monti tiburtini troviamo Villa Adriana, a Tivoli, dove aveva la residenza estiva l'imperatore le cui memorie furono narrate nello splendido romanzo di Marguerite Yourcenar. Sono visibili il Canopo, una piscina del II secolo d.C. di forma ellittica, circondata da colonne e statue. Ben visibile anche la Piazza d'oro, con i resti della casa colonica e il Teatro marittimo, con il suo corpo circolare e le colonne ioniche che si specchiano nel canale.

4 Recensioni StelleStelleStelleStelleStelle

Giada - VeronaStelleStelleStelleStelleStelle
febbraio 2018

All'inizio avevo paura, mi ero pentita di aver fatto questa pazzia. Poi una volta in aria non si pensa più a niente se non al panorama. Il tramonto lo abbiamo vissuto in una prospettiva completamente nuova. Quando ho visto il mare in lontananza, con il sole che iniziava a scendere mi sono commossa. Roma toglie il fiato per come è bella, vista da ogni punto di vista. Consiglio a tutti l'esperienza.

Michele - MilanoStelleStelleStelleStelleStelle
dicembre 2017

Dura troppo poco. Questo è l'unico difetto che ha il volo su Roma in elicottero. Mi sarebbe piaciuto non scendere più. Non immaginavo Roma fosse così piena di verde e di acqua. I parchi nel cuore della città, la campagna nelle periferie, i laghi di Nemi e Albano, il mare di Ostia. Roma sembra una città fatta solo di palazzi, strade e monumenti, in realtà è ancora immersa nella sua natura. Straordinario.

Vito - MontrealStelleStelleStelleStelleStelle
agosto 2017

Ho provato il volo in elicottero su Roma e devo dire che ne è valsa la pena. Certo qualcuno potrebbe dire che spendere quasi mille euro per quarantacinque minuti non è una decisione saggia. Io rispondo che almeno una volta nella vita tutti dovrebbero poter fare un viaggio simile. Il Colosseo, il Vittoriano, il Foro, vederli uno dopo l'altro, soprattutto dopo averli già visitati "normalmente", fa uno strano effetto. È un'esperienza che consiglio.

Alba - LuganoStelleStelleStelleStelleStelle
luglio 2017

Guardare Roma dall'elicottero è stata un'emozione indescrivibile. Quello che porta via giorni e forse settimane noi lo abbiamo potuto vivere in circa mezz'ora. È ovvio che ognuna delle location merita di essere visitata, ma la visione d'insieme dà l'idea di quanta ricchezza culturale e paesaggistica offra questa straordinaria città. Quello che mi ha colpita è la quantità di parchi e di verde che ancora c'è sia dentro che intorno alla città. È un aspetto che non si immagina quando si gira a piedi. L'emozione più grande l'ho provata osservando Villa Adriana dall'alto. Ho pensato all'imperatore e a come doveva essere straordinario poter vivere in un posto così.

Recenti

Blog-Condotti-Hotel-Condotti-Roma
GIRO IN BICICLETTA - ROMA
Roma da pedalare
Blog-Condotti-Hotel-Condotti-Roma
LEZIONI DI CUCINA - ROMA
Impara a fare la pasta

Vuoi soggiornare a Roma?

Per questa location ti consigliamo Relais Vatican View, ideale per scoprire Roma grazie alla sua posizione strategica.

Scopri Relais Vatican View

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Cliccando sul pulsante Acconsento si autorizza l'uso dei cookie.

ACCONSENTO